Testimonianze

Un susseguirsi di scelte individuali e familiari supportate dalle associazioni locali

Anton, Armenia

"Ho lasciato il mio paese perché avevo problemi con il governo; là avevo una grande azienda e a causa della corruzione locale dovevo sempre pagare per poter lavorare. Ho deciso di porre fine a tutto questo. Volevo proteggere la mia famiglia. Quando ho deciso di andarmene, non sapevo dove andare, ma conoscevo la Francia. Ho immaginato la Francia come un paese di libertà; secondo me la Francia è l'unico paese del pianeta in cui possiamo trovare libertà e uguaglianza.

Siamo arrivati con mia moglie e mio figlio a Clermont in autobus. Abbiamo chiesto subito protezione allo Stato francese, attraverso la prefettura. Siamo stati ben accolti fin dall'inizio. Siamo stati alloggiati in un hotel per circa un mese dalla prefettura e poi siamo stati alloggiati in un CADA (Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo) dall'associazione CECLER. Nostro figlio andava a scuola. Sei mesi dopo il nostro arrivo in Francia, siamo stati inviati ad un altro CADA. Lì abbiamo incontrato persone di diverse nazionalità. Per noi è stato molto importante perché dovevamo parlare francese. Il nostro alloggio era arredato e pulito. Un'associazione in loco, "Les restos du cœur", ha impartito lezioni di francese. Nostro figlio era ancora in età scolare.

Per quanto riguarda il lavoro, c'è voluta molto volontà e alla fino sono io che ho scelto quello che faccio. Volevo decidere io, non volevo fare qualsiasi cosa;  avevo in mente la mia idea. In CADA mi annoiavo e soprattutto volevo ricambiare l’accoglienza offertaci. Ho lavorato come volontario presso l’associazione caritatevole Emmaus utilizzando le mie capacità di falegnameria e falegnameria. L’OFPRA (Ufficio Francese di Protezione dei Rifugiati e Apolidi) ci ha concesso la protezione internazionale e abbiamo firmato il contratto di accoglienza e integrazione a Clermont. Grazie a questo riconoscimento, ho potuto seguire corsi di francese continuando il mio lavoro a Emmaus. Ho fatto buoni progressi.

Dato che avevo lasciato la patente in Armenia, non potevo guidare. Era un grosso problema, non ero autonomo e dipendevo dagli altri. Io e la mia famiglia eravamo bloccati, non potevamo muoverci. E' stato il Centro per l’Impiego a finanziare la mia patente di guida. Ho studiato di notte per imparare a memoria tutte le parole per passare l’esame, che ho superato al primo colpo. Poi, quando ho ricevuto la patente, ho preso un credito dalla banca per comprare un veicolo. Con l'auto, ho distribuito volantini per 26 mesi. Lo stipendio era molto variabile e la situazione piuttosto instabile. Il direttore di Emmaus mi ha apprezzato e mi ha dato molti consigli. Ho fatto un corso di formazione presso un’agenzia formativa (AFPA) in carpenteria e ferramenta, ma nessuno voleva assumermi dopo questo addestramento. Inoltre io volevo realizzare la mia idea e non volevo fare qualsiasi cosa. I miei amici mi hanno dato informazioni, mi hanno aiutato a capire come funzionano le cose. Così sono andato alla Camera dei Mestieri per vedere come creare la mia impresa e ho fatto la formazione di 4 giorni; ho pagato per la mia formazione e ho ricevuto i documenti per diventare lavoratore autonomo. Oggi lavoro bene, sono in contatto con i negozi di mobili che mi chiamano per montare i mobili presso i clienti.

Diverse cose sono state importanti per me, il caloroso benvenuto della Francia al nostro arrivo e una buona sistemazione. E’ stato importante avere molte relazioni con i francesi. Direi che oggi il 70% delle nostre relazioni sono francesi. Ma la cosa più importante per me era che sapevo ciò che volevo,  volevo lavorare e non volevo essere gestito da altri. Desideravo la libertà di fare quello che volevo e una buona vita!

Ora desidero avere una casa mia, questo è il prossimo progetto".

 

Tag
Storia personale
Relazionarsi con la gente del posto